Felicitazioni.

A dieci anni dalla sua fondazione, festeggiati qualche settimana fa, Gnome compie uno dei passi forse più importanti da allora: esce con la sua release 2.20. Dopo una serie di beta che ci avevano fatto pregustare leccornie degne financo del ben più atteso KDE 4 (ma con meno sciccherie grafiche, va detto), la 2.20 esce con una precisione sconcertante. Tanto sconcertante che, fino ad adesso (15.24) né il sito italianoquello internazionale del progetto riportano l’uscita tra le ultime news. Per trovarla si deve scavare un po’.

Le novità sono tante, succosissime e sarebbe impossibile elencarle tutte, per cui mi limiterò alle principali:

  • il client email e di groupware, Evolution, ha subito molti miglioramenti: un avviso per le mail contenenti la parola “allegato”, ma che non hanno allegati¹; un’icona nell’area di notifica ci avviserà delle mail in arrivo; un tool di backup finalmente all’altezza della situazione; SpamAssassin è ora in grado di apprendere quando un’email viene contrassegnata come indesiderata oppure no.
  • il visualizzatore documenti Evince ora supporta i moduli interattivi presenti nei PDF, consentendo l’inserimento di informazioni all’interno dei PDF, la resa a video delle pagine ora risulta più veloce e sarà possibile estrarre le immagini dai documenti PDF per poterle usare separatamente.
  • Nautilus ora mostra maggiori informazioni relative alle unità nella finestra «Proprietà», incluso un grafico a torta che consente di vedere rapidamente quanto spazio sia ancora disponibile; oltre a ciò, è possibile vedere l’utilizzo più accurato attraverso il programma di utilità «Analizzatore di utilizzo del disco»; le anteprime delle immagini sono automaticamente orientate nel modo corretto.
  • i pannelli di controllo sono stati leggermente riorganizzati per ridurne il numero, rendendo più facile trovare ciò che si cerca: questo rilascio segna il debutto della nuova applet del pannello di controllo «Aspetto»: le applet «Tema», «Sfondo», «Tipi di carattere» e «Interfaccia» sono state unite per creare questa nuova applet, semplificando il menù «Preferenze».

Insomma, basterebbe questo per rendermi orgoglioso di partecipare alla grande famiglia Gnome che si merita il mio plauso per il lavoro alacre ed eccelso. Aspetto con ansia Gutsy anche solo per questo, ma dicembre è vicino e l’occhio vorrà la sua parte…

 

Staremo a vedere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...