Losing a battle, losing the war.

Pare che la tanto ventilata notizia che Micro$oft voglia fare causa ad ogni singolo utente Linux, per una presunta violazione di brevetti, sia stata supportata da un articolo di Dan Ravicher, founder della Public Patent Foundation. Purtroppo per M$, a detta dell’autore, il suo studio dimostra l’esatto opposto delle argomentazioni con cui Steve Ballmer si era bullato. Per Ravicher, che fra le altre cose è un esperto di leggi sui brevetti, non c’è alcun rischio legale nell’usare software open source, anzi ci sono meno rischi che ad usare quelli proprietari. Le argomentazioni di M$ sarebbero strumentali. La principale incongruenza nell’interpretazione di Ballmer sta nel fatto che:

 

“Ballmer makes a very bold statement by saying Linux infringes hundreds of patents […] That is extremely different than saying ‘Linux potentially infringes x patent,’ because the requirement to prove infringement is much more difficult than the requirement to simply file a case claiming infringement.”

Dunque, ancora una volta, dopo il caso SCO, M$ tenta un affondo di cartone, spaventata dalla crescita e dalle vittorie sul campo dei sistemi aperti. Il meglio che si possa fare è rispondere che è chiaramente un FUD, come già ha fatto Red Hat. Ed a proposito di Red Hat: signori, avete ancora tutta questa voglia di accordarvi con Gates? Spero non debba nascere un blog “Boycot RedHat”, dopo quello contro Novell.

Advertisements

Un Commento

  1. Pingback: Microsoft divide la comunità open source « Detourned life

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...